HOMEPAGE > > Il fiero stallone di Antony van Dyck battuto all'asta per 3,5 milioni di dollari.
Il dipinto equestre di Anthony van Dyck
Il dipinto equestre di Anthony van Dyck

Il fiero stallone di Antony van Dyck
battuto all'asta per 3,5 milioni di dollari

05.01.2012 Il quadro olio su tela, risalente a oltre 400 anni fa, è di 109 cm per 115.6 cm e raffigura un'immagine energica e d'impatto. E' stato venduto il giorno di Natale presso la casa d'asta Christies di New York

commenti
Uberto Martinelli

L'EDITORIALE
di Uberto Martinelli
L'ANNO CHE VERRÀ

Sul numero di gennaio, in edicola

cavallomagazine su facebook
cavallomagazine su twitter
I blog

Una passione,
che fortuna!

di Mariangela Cecchi

Cavalli
e altri amici

di Maria Cristina Magri

questo mese in edicola
Cover Cavallo Magazine, gennaio 2012

Con il numero di gennaio
SIAMO SULL'IPAD!
Il primo numero è gratuito

SCOPRI SU QUESTO NUMERO...
Cultura Equestre
La nuova sezione di Cavallo Magazine, tra storia, racconti, libri e arte!
Attualità
Redditometro - Allo studio la riforma 'salvacavalli'
Ippica - L'era dei 'cavalli magri'
Reportage
Mongolia - I cavalieri del Naadam
L'evento
Il Rocìo - Andalusia, migliaia di pellegrini in sella
Trekking
Trofeo Trekking - La finale
... e molto ancora!





| | condividi

New York, 5 gennaio 2012 - Un dipinto di oltre 400 anni fa raffigurante un fiero stallone è stato battuto all'asta il giorno di Natale alla casa d'asta Christies di New York per 3,5 milioni di dollari. Il quadro olio su tela, firmato dal pittore tedesco Anthony van Dyck, è di 109 cm per 115.6 cm e raffigura un'immagine energica e d'impatto.


L'esperta d'arte Susan Barnes ha considerato questo lavoro di Van Dyck un'opera d'arte a sé rispetto alla tipologia di quadri che caratterizzano la carriera del pittore, presumibilmente, spiega la Barnes, "per rappresentare la figura di un mecenate".

Antony van Dyck (Anversa, 22 marzo 1599 – Londra, 9 dicembre 1641) è stato un pittore fiammingo, principalmente ritrattista, che divenne il primo pittore di corte in Inghilterra dopo un lungo soggiorno in Italia. È universalmente noto per i ritratti della nobiltà genovese e di Carlo I re d'Inghilterra, dei membri della sua famiglia e della sua corte. Con il suo metodo di pittura di rilassata eleganza, influenzò i ritrattisti inglesi, come Peter Lely, per i successivi anni. Oltre ai ritratti, per i quali fu molto apprezzato, si occupò anche di soggetti biblici e mitologici.

 

 

 

 

 

FOTODEDICHE DEI LETTORI
Inviaci la tua fotodedica!

Inviaci la tua fotodedica!
La vedrai pubblicata
nella nostra nuova Gallery

info@cavallomagazine.it
inserire in oggetto 'dedica'
foto in formato .jpg massimo 700 kb
testo non più di 30 parole